PERCHE’ CAMMINARE SCALZI FA BENE

Si chiama Earthing è ed la pratica del riconnettersi a madre terra tramite il cammino a piedi scalzi.
Rasenta il banale da tanto è semplice, ma il camminare scalzi porta ad uno scambio diretto tra la nostra pelle e gli elettroni che si accumulano sulla superficie terrestre.

Questo serve a neutralizzare le molecole instabili nel nostro organismo, all’origine di molti danni fisici. Si tratta dei cosiddetti radicali liberi, il prodotto naturale ma tossico di alcuni processi metabolici del corpo umano.

Dietro questo concetto è nato il barefooting, un movimento nato in Nuova Zelanda e che consiste proprio nel camminare scalzi.

Per i bambini camminare scalzi è essenziale per la stimolazione sensoriale della piante del piede e la conseguente propriocezione del riconoscere la posizione del corpo nello spazio. Attraverso i piedi, prima ancora delle mani, utilizzano il senso tattile per esplorare e conoscere il mondo.

Per gli adulti vuol dire riappropriarsi dei valori persi nel passaggio da bambini ad adulto per l’impiego delle scarpe.

L’utilizzo delle moderne scarpe che hanno tolto la sensibilità ai piedi è avvenuto principalmente dopo la seconda guerra mondiale, con un boom nel periodo degli Hippie, anni sessanta e settanta. Fino ad allora le scarpe erano concepite più basse e più vicine al suolo. Le attuali scarpe, invece, oltre ad allontanarci dal contatto con il terreno, portano anche a svariati adattamenti del nostro corpo come un cambio di postura e conseguente affaticamento dell’intero corpo, oltre che vere e proprie patologie.

Per riconquistare quanto perso si ha bisogno di un nuovo adattamento, partendo con gradualità nei primi tempi, per raggiungere uno stato di benessere psico-fisico, in tempi che ognuno potrà sperimentare grazie alla propria esperienza.

Tra i principali benefici che si possono riscontrare camminando scalzi nella quotidianità, ne possiamo elencare diversi:

  • i piedi a contatto con la terra ricevono lo stesso nutrimento delle piante per crescere, svilupparsi e brillare;
  • aiuta a dormire meglio;
  • diminuisce ansia e stress migliorando e rinforzando il sistema nervoso;
  • allevia tensioni muscolari, infiammazioni, dolori mestruali e mal di testa funzionando da cavo a terra per l’intero corpo;
  • rafforza caviglie, piedi e dita per riportare miglior equilibrio e stabilità nella postura;
  • riattiva la circolazione e il ritorno venoso, combattendo i gonfiori;
  • permette di fare pressione su tutte le terminazioni nervose, per un massaggio naturale;
  • combatte gli inestetismi (calli, alluce valgo, duroni, dita a martello);
  • protegge da sostanze tossiche e batteri anaerobi presenti nelle scarpe;
  • previene le vene varicose poiché rafforza il sistema venoso;
  • aiuta la termoregolazione;
  • sviluppa il sostegno dei dischi intervertebrali, e di tutta la spina dorsale.

Nel prossimo articolo vedremo come poter iniziare il percorso di riacquisto della funzionalità dei piedi, da adulti, camminando scalzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *