IL SENSO DEL TATTO

Forse il più importante di tutti i cinque sensi; il tatto è il senso della creazione; plasmando della polvere Dio creò l’uomo.

Il tatto è il primo dei cinque sensi che si sviluppa nel feto della pancia della mamma, attraverso la pelle, circa nella settima settimana di gestazione.

Il tatto è una porta delle emozioni, non esiste il toccare senza il sentire, ed il sentire senza una sensazione.

La sede del tatto nel corpo umano è la pelle, l’organo più esteso del corpo umano. Ogni centimetro quadrato della nostra pelle possiede 130 recettori tattili che hanno la funzione di raccogliere gli stimoli e le sensazioni. Sono distribuiti uniformemente su tutto il corpo, ma più numerosi in alcune zone, come labbra, polpastrelli delle mani e piante dei piedi.

Abbiamo già visto precedentemente come la pianta del piede sia di vitale importanza per avvertire sensazioni tattili per l’elaborazione del corpo nello spazio.

Possiamo calpestare terreni morbidi, pavimenti duri, superfici lisce o ruvide. Possiamo indossare scarponi rigidi o scarpe più morbide, fino a camminare scalzi, in spiaggia sulla sabbia che scotta, oppure sull’erba bagnata dalla rugiada o godere della morbidezza della terra.

Sono tutte sensazioni del tatto che abbiamo perso e che vediamo quasi come tabù nella società attuale.

Bisogna però tenere presente come il tatto avviene anche attraverso i polpastrelli ad esempio, e quindi le mani.

Ormai con le mani tocchiamo senza prestare attenzione.

Stringiamo distrattamente degli oggetti, tocchiamo mani altrui, accarezziamo indumenti, maneggiamo soldi, lavoriamo con le mani, le sporchiamo, e tendiamo sempre ad evitare i guanti perché non consentono la stessa sensibilità della mano nuda.

Dobbiamo recuperare il tatto con i piedi che sono una parte fondamentale del nostro corpo, da cui dipende la deambulazione, l’equilibrio e la postura determinando il benessere dell’intero organismo.

Affronteremo a parte l’argomento tatto nella riflessologia plantare, ricordando qui solamente come il camminare scalzi consente anche attraverso la sensazione tattile del terreno un massaggio naturale della pianta del piede.

Una risposta a “IL SENSO DEL TATTO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *