SEBASTIAN KNEIPP ED IL PERCORSO SENSORIALE

Era l’800 quando un abate tedesco, Sebastian Kneipp, divenuto esperto di medicina naturale, scopritore dei benefici dell’idroterapia con cui si auto guarì dalla tubercolosi, consigliava a tutti una camminata di prima mattina sull’erba bagnata dalla rugiada, come benessere psico-fisico.

Oggi, dopo diverse e numerose ricerche scientifiche sappiamo che aveva ragione. Camminare scalzi a contatto con la terra riarmonizza il corpo.

Tale attività per lui equivaleva alle sensazioni che si possono percepire di freddo, bagnato, calore ecc, che stanno alla base del suo metodo ancor oggi utilizzato in numerosi centri benessere.

Consiste nel camminare in vasche con un fondo irregolare fatto di sassi ed acciottolato, come percezione tattile, ed acqua ghiacciata per passare successivamente in acqua calda.

Questo shock termico stimola la circolazione sanguigna che determina molteplici effetti benefici sul corpo.

Questa nuova visione di Kneipp ha avuto il benestare da diverse e numerose ricerche scientifiche, che hanno avvalorato la parte conduttiva del nostro corpo, ed il benessere che ne consegue nel riappropriarsi del camminare scalzi in natura.

Il fenomeno ai giorni nostri è rinominato come “Earthing”, cioè il collegamento dei piedi nudi, quindi del nostro corpo alla terra, senza oggetti come le scarpe, che ci isolano la conduzione e le sensazioni tattili più importanti che possiamo avere.

Stando a contatto con la terra, avviene uno scambio di energie elettriche presenti sulla superficie terreste di cui il corpo assorbe gli elettroni positivi che contrastano i radicali liberi dannosi. In questo modo, in pratica, assorbiamo elementi che offrono un benessere al corpo, di cui ne abbiamo già visti in articoli precedenti.

Non preoccupatevi, possiamo da subito rimediare.

Alzi la mano chi da piccolo non ha mai corso scalzo su un prato.

Già da oggi potete provare recandovi al primo parco più vicino a voi e togliervi le scarpe per farvi una bella camminata scalza.

La morbidezza del manto erboso, misto al contatto con la terra offre una prima percezione rilassante. Potete notare ad esempio l’erba bagnata, asciutta, la freschezza rispetto alla calura dell’asfalto nelle prime ore pomeridiane, così come un massaggio naturale sull’arco plantare.

Un antico mito greco, molto suggestivo a riguardo, è quello del gigante Anteo, che era figlio di Gea, la Terra, e doveva la sua forza solo a lei. Combattendo, non veniva mai vinto perché, ogni volta che cadeva, rigenerava le sue forze. Fu sconfitto da Ercole quando questi lo tenne sollevato, impedendogli di ricaricarsi di energie a contatto con la terra.

La nostra Associazione ha pensato alla vostra salute e vi propone proprio attività su percorsi studiati volutamente per provare nuove sensazioni, stimolando la pianta del piede a riacquistare la percezione tattile persa dall’eccessivo uso di scarpe inibitorie ed isolanti.

Nel nostro percorso è previsto anche un passaggio del metodo Kneipp, in cui vi forniamo di persona le indicazioni e gli accorgimenti, tramite anche un esperimento pratico, per acquistarne padronanza e poterlo sfruttare anche a casa nella vita quotidiana.

Non mancate.

Una risposta a “SEBASTIAN KNEIPP ED IL PERCORSO SENSORIALE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *